Se vuoi osservare lo spettacolo delle Perseidi e guardare le stelle in compagnia di un esperto partecipa a uno dei nostri eventi. Questa cometa inoltre è protagonista di un’importante scoperta astronomica effettuata da un nostro connazionale, Giovanni Schiapparelli, che nel 1866 dimostrò l’associazione tra Perseidi e Leonidi e il passaggio delle comete. Nella notte di San Lorenzo, ovvero la notte dei desideri, è pressoché d’obbligo vedere almeno una stella cadente. Stelle cadenti. 1 Gen, Spazio - E sono famose un po’ in tutto il mondo, essendo uno dei più ricchi sciami meteorici che si possono osservare dalla Terra, con anche 100 meteore all’ora in una nottata fortunata. Dove guardare? Il momento migliore per volgere gli occhi all’insù sarà nelle ore centrali della notte. A caccia del buio Per prima cosa meglio volgere lo sguardo a Nord-Est. Gli occhi, o magari gli strumenti di osservazione, dovranno essere puntati a Nord-Est in direzione della costellazione di Perseo, che si trova fra Andromeda e il pentagono dell’Auriga. Come dicevamo, gli sciami meteorici sono quasi sempre ciò che rimane lungo l’orbita di una cometa dopo uno dei suoi periodici passaggi (sempre che sia una cometa periodica). Nel caso di Swift-Tuttle, parliamo di un corpo celeste la cui orbita interseca quella terrestre così da vicino da rappresentare un concreto rischio di collisione in futuro, anche se fortunatamente i calcoli ci dicono che il pericolo non si presenterà almeno per i prossimi mille anni. 21 ore fa, Il Giappone sta lavorando a satelliti di legno, Lab - Dove vedere le stelle cadenti in cielo nella notte di San Lorenzo, informazioni utili e consigli da seguire per vedere lo sciame meteorico delle Perseidi. Le condizioni di osservazione per quest’anno sono discrete, ma purtroppo ben lontane dall’essere ottimali, tanto che vengono definite dagli esperti come “non del tutto sfavorevoli”. Ma dove si trova la costellazione di Perseo? Home Le stelle cadenti originate dalla cometa Swift-Tuttle, meglio note come lacrime di San Lorenzo, sono tradizionalmente legate alla notte del 10 agosto, anche se non sempre questa data è la migliore per osservare le scie luminose nel cielo. I giorni di maggiore attività quest’anno cadranno tra il 12 e il 13 agosto, ma sarà possibile osservarle fino al 24. Scienza Come ricorda l’Unione astrofili italiani, per il 2017 le scie luminose nel cielo dovute ai frammenti di materia che si incendiano nell’atmosfera saranno osservabili soprattutto nella notte tra sabato 12 e domenica 13 agosto, dal tramonto fino all’alba. Attorno a mezzanotte è proprio in quella direzione che sorgerà la costellazione di Perseo. Ma dove bisogna guardare, nel cielo? 4 Gen, Dalla lotta al Covid-19 al clima: le sfide della scienza nel 2021, Tech - Purtroppo la luce della Luna sarà piuttosto fastidiosa, poiché il satellite naturale della Terra sarà alto nel cielo e illuminato per circa l’80% (all’inizio della settimana c’è stata la Luna piena). Se le scie delle meteore sembrano provenire dalla costellazione di Perseo (da cui è facile capire prendono il nome) allora siamo di fronte a una stella cadente legata allo sciame delle Perseidi. Ovviamente per migliorare l’osservazione conviene recarsi in luoghi con il minor inquinamento luminoso possibile – per lo meno lontano da lampioni, insegne luminose e centri abitati – e sperare in condizioni meteorologiche favorevoli e assenza di foschia. Prima di tutto è consigliato andare a “caccia” di stelle fuori città in luoghi poco illuminati. A caratterizzare le Perseidi inoltre è la presenza frequente di quelle che in inglese vengono chiamate fireball (letteralmente palle di fuoco), stelle cadenti più colorate, persistenti e luminose del normale, che raggiungono una magnitudine relativa compresa tra 3 e 4 (più o meno luminose quanto Venere). In media, infatti, le Perseidi regalano tra le 50 e le 100 stelle cadenti per ora. Come tutti gli sciami meteorici anche le Perseidi sono zone di Spazio ricche di detriti staccatisi da una cometa durante la sua orbita attorno al Sole. Allo stesso tempo, però, la pioggia di meteore proverrà da un’inclinazione di circa 60 gradi rispetto alla linea dell’orizzonte, dunque sarà possibile vedere un buon numero di eventi. L’attività delle Perseidi dura complessivamente oltre un mese, dal 15 luglio al 24 agosto e, come spesso accade, il picco di attività dello sciame si ha qualche giorno dopo la convenzionale notte di San Lorenzo. Anche contro le paure. Tanta pazienza Spazio. Ma anche qui: non siate troppo pignoli, potrete avere occasione di vedere stelle cadenti anche allo Zenit (cioè esattamente sopra la vostra testa), o verso Sud o addirittura a Ovest. In Italia tradizione vuole che si osservino il 10 agosto, durante la notte dedicata a San Lorenzo, di cui rappresenterebbero le lacrime bloccate in cielo, pronte a ricadere ogni anno sul nostro pianeta.In realtà le Perseidi iniziano ad essere attive ben prima, e vanno avanti ben più a lungo di quanto voglia la tradizione (quest’anno sono visibili dal 17 luglio al 24 agosto). Occorre poi tenere conto che l’occhio umano ha bisogno di un po’ di tempo per adattarsi alla visione del cielo notturno. 5 momenti delle serie che vi scalderanno il cuore, ©: Edizioni Condé Nast s.p.a. - Piazza Cadorna 5 - 20123 Milano cap.soc. Per i meno esperti, esistono applicazioni per smartphone che possono essere d’aiuto per orientarsi tra le costellazioni. Per la precisione, le scie luminose proverranno appena al di sopra della costellazione da cui prendono il nome, nella regione che la separa dalla costellazione di Cassiopea. Tra i tanti sciami meteorici dell’estate, quello che più di tutti ci fa volgere lo sguardo al cielo è lo sciame delle Perseidi. 3 - apere dove guardare Le stelle cadenti possono arrivare da ogni direzione, ma è meglio orientarsi verso Nord-Est , verso la costellazione di Perseo, subito dopo la costellazione a "W" di Cassiopea: quello è il Radiante (dove "s'irradiano" le stelle cadent) da lì giungono gran parte delle meteore. Pronti all'arrivo delle Quadrantidi, le stelle cadenti di inizio anno? I binocoli in questo caso sono del tutto inutili, e guardare lo schermo luminoso dello smartphone non fa che peggiorare le cose. Notte di San Lorenzo 2019 nelle Marche, dove guardare le stelle cadenti?Se vogliamo esprimere un desiderio nella più classica delle Notte dei Desideri, dobbiamo organizzarci per tempo.Lo sciame meteorico delle Perseidi non aspetta nessuno, quindi meglio prepararci. Per godere al meglio di queste stelle cadenti è consigliabile aspettare le ore appena antecedenti all’alba, quando tendono a essere più frequenti e luminose, e il sole non ha ancora iniziato a rischiarare il cielo diminuendone la visibilità. 1- DOVE GUARDARE. Le stelle cadenti non sono, propriamente, delle stelle: sono cosiddetti “meteoroidi”, cioè minuscoli o piccoli frammenti di roccia, che viaggiano nello spazio interplanetario. Tuttavia, spesso le frequenze reali di osservazione sono molto più basse rispetto a quelle teoriche, e quest’anno non sono previsti nemmeno picchi di attività particolarmente intensi su cui fare affidamento. Quest’anno, in particolare, le stelle cadenti daranno il massimo spettacolo durante il fine settimana appena prima di Ferragosto. Come al solito, per chi vuole scrutare il cielo notturno, si tratta di trovare un compromesso tra diversi fattori, tra cui i più rilevanti sono la posizione della Luna nel cielo e il punto di provenienza delle meteore. E sono famose un po’ in tutto il mondo, essendo uno dei più ricchi sciami meteorici che si possono osservare dalla Terra, con anche 100 meteore all’ora in una nottata fortunata. 21 ore fa, Come la realtà virtuale sta cambiando la ricerca aerospaziale. Spazio - Leggi anche: Vedere le stelle cadenti, una guida per tutte le stagioni, Perseidi, è già tempo delle stelle cadenti di agosto, Perseidi: come vedere le stelle cadenti di San Lorenzo, Quadrantidi, come non perdersi le prime stelle cadenti del 2021, Come osservare la Grande congiunzione tra Giove e Saturno del solstizio d’inverno, Teletrasporto quantistico da record: 44 chilometri con accuratezza del 90%, La scienza del 2021: focus su Covid, clima e Spazio, Il segreto per mantenere i buoni propositi per l’anno nuovo, La sfida impossibile: comprendere la realtà con la filosofia quantistica, Con quali parole racconteremo la pandemia alle generazioni future, Psoriasi e coronavirus, il vademecum degli esperti. Dove guardare le stelle La notte di San Lorenzo 2020 si sta avvicinando, e ammirare le stelle cadenti da Firenze è lâ occasione ideale per vivere un momento davvero romantico e suggestivo. Un tasso orario zenitale (numero che rappresenta la quantità di meteore che si potrebbero vedere in un’ora in condizioni ottimali) inferiore solamente a quello delle Quadrantidi (attive nei primi giorni di gennaio) e delle Geminidi (attive a dicembre). Grossomodo occorre mezz’ora per abituare lo sguardo e raggiungere una soddisfacente capacità di osservazione. Le “lacrime di San Lorenzo” attraverseranno i nostri cieli dal 17 luglio al 24 agosto.Sono note per la loro intensità, che sarà massima nella notte del 12 agosto. Bisognerà guardare la volta celeste verso nord-est, in direzione della Costellazione Cassiopea, ricordandovi che ogni fonte luminosa rende più difficile vedere le stelle cadenti. Allo stesso tempo, però, la pioggia di meteore proverrà da un’inclinazione di circa 60 gradi rispetto alla linea dell’orizzonte, dunque sarà possibile vedere un buon numero di eventi. Le Perseidi prendono quindi il loro nome dalla costellazione di Perseo. Tanta pazienza Per prima cosa meglio volgere lo sguardo a Nord-Est. C.F E P.IVA reg.imprese trib. Stelle cadenti a San Lorenzo 2019: dove guardare le Perseidi per ammirarle al meglio. In realtà le Perseidi iniziano ad essere attive ben prima, e vanno avanti ben più a lungo di quanto voglia la tradizione (quest’anno sono visibili dal 17 luglio al 24 agosto). Questa volta dunque non si applica il consiglio – che resta valido in linea generale – di preferire le ultime ore della notte. Notte di San Lorenzo: dove vedere le stelle cadenti a Roma. Dove guardare? In Italia tradizione vuole che si osservino il 10 agosto, durante la notte dedicata a San Lorenzo, di cui rappresenterebbero le lacrime bloccate in cielo, pronte a ricadere ogni anno sul nostro pianeta. Il momento migliore E per essere sicuri di osservare proprio le Perseidi e non un altro sciame meteorico basta prendere nota del punto di cielo da cui sembrano arrivare le stelle cadenti. Questo sempre sperando che ci sia beltempo e che nuvole o pioggia non vanifichino i nostri programmi. Quest’anno, in particolare, le stelle cadenti daranno il massimo spettacolo durante il fine settimana appena prima di Ferragosto. Anche se l’altezza dello sciame tenderà ad aumentare man mano che ci si avvicinerà all’alba, raggiungendo anche i 65 gradi, la Luna sarà troppo luminosa per permettere osservazioni soddisfacenti. Wired Trends 2021 sul wellbeing: si può trovare benessere e felicità con wearable e realtà virtuale? Stelle Cadenti d’Autunno. Bisogna guardare a nord est, in particolare verso l’estremità orientale del Grande Carro . Ma dove bisogna guardare, nel cielo? Dove guardare Come dicevamo, gli sciami meteorici sono quasi sempre ciò che rimane lungo l’orbita di una cometa dopo uno dei suoi periodici passaggi (sempre che sia una cometa periodica). Il “best of” del 2020 degli astronauti Nasa sulla Stazione spaziale, La discesa di Perseverance su Marte, in un'animazione della Nasa, Perché la Luna piena di oggi è chiamata fredda, Wired Trends 2021 sui media, la comunicazione commerciale e politica si scambiano i ruoli, Wired Trends 2021 - Finance, tra nuovi modelli di banca e valute digitali alla rincorsa delle criptovalute, Wired Trends 2021, ecco cosa significherà la sostenibilità nel post-pandemia, Wired Trends 2021, il lavoro tra spazi reinventati, tensioni etiche e innovazioni più o meno funzionali. Per chi invece volesse provare a muoversi in anticipo, magari sfruttando le più agevoli ore del crepuscolo serale, gli astrofili ricordano che la Luna con il suo chiarore non disturberà affatto fino a mezzanotte, poiché sarà ancora molto bassa sull’orizzonte.