https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Babilonia_(metafora)&oldid=101813984, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo. All'origine del mito Libro di "Babilonia era una coppa d'oro in mano al Signore, con la quale egli inebriava tutta la terra." In un certo senso, tutta l'umanità da quel momento in poi è in esilio dalla presenza di Dio, da dove siamo creati per essere. Il ruolo di Babilonia nel mondo antico è di grande importanza e rilievo, menzionata anche nella Bibbia. Il nome ebraico della città, Babele, significa “confusione”, mentre il nome sumero e quello accadico significano “Porta di Dio”. Per questa ragione la città è spesso menzionata nella Bibbia come simbolo dei nemici di Dio e del suo popolo e rappresenta l'unione del paganesimo e dell'idolatria con la potenza politica. La religione di Babilonia. Nella Bibbia il termine Babilonia è menzionato più specificamente in Apocalisse 17,5 ed indica una misteriosa figura femminile seduta su una bestia scarlatta con sette teste: "Babilonia la grande, la madre delle prostitute e degli orrori della terra.". Queste, però, sono solo alcune delle tante profezie contenute nella Bibbia. Roma, Italia, fu costruita su di 7 colli. Spesso la causa dell'esilio nella Bibbia è il peccato. L'antica città mesopotamica, a sud di Baghdad, è stata classificata il 5 luglio Patrimonio Mondiale dell'UNESCO, e viene nominata spesso nella Bibbia L’antica città mesopotamica di Babilonia nel II millennio a.C. sarebbe diventata la capitale di un grande regno, che avrebbe raggiunto il suo apogeo nel VI secolo a.C. sotto il regno del celebre Nabucodonosor II. Nella Bibbia Babilonia viene utilizzata come metafora del male, in contrapposizione alla Gerusalemme celeste nell'Apocalisse giovannea. La religione di Babilonia ammetteva diverse triadi di divinità. La Bibbia dice che si tratta di “una donna”, una “grande meretrice”, con un nome che rappresenta “un mistero: ‘Babilonia la Grande’” (Rivelazione 17:1, 3, 5). E quelli presero possesso della Samaria e si stabilirono nelle sue città. Leggi Isaia 48:17; vedi l’approfondimento 3.) ( Rivelazione 17:6 ) Perciò è chiaro che questa donna chiamata Babilonia la Grande rappresenta l’impero mondiale della falsa religione, che include tutte le religioni che si oppongono a Geova Dio. La falsa religione, con le sue ricchezze e il modo in cui ne fa sfoggio, corrisponde alla descrizione che la Bibbia fa di Babilonia la Grande: “Era vestita di porpora e scarlatto, ed era adorna di oro e pietra preziosa e perle” (Rivelazione 17:4). A ragione, chi vuole piacere a Dio deve ‘uscire da essa’, ovvero separarsi dalla falsa religione (Rivelazione 18:4; 2 Corinti 6:14-17). Lettura della Bibbia: La Caduta di Babilonia. La distruzione escatologica di Babilonia è l'argomento del successivo capitolo 18. LA CADUTA DI BABILONIA NELLA BIBBIA Di Marie Therese Elise Morlet . Babilonia-Babele è nella Bibbia e nell’immaginario comune il simbolo dell’oppressione e dell’immoralità: è, dunque, la «città terrestre» per eccellenza a cui si oppone la «città celeste» incarnata nel segno di Gerusalemme. Ora è "restaurazione". La prosperità del sud non fu mai stabile perchè dipendeva dai commerci attraverso le vie dell'Egitto e del Mar Rosso. (apre una nuova finestra). Come capo dell'esercito, sconfisse Neco di Egitto a Carchemis e poi assediò Gerusalemme e deportò Daniele (1) ed altri Giudei Ger 46; Dan 1:1-2. Babilonia la Grande corrisponde al profilo della falsa religione. La Bibbia e l'impero di Nabucodonosor, scritti di Frederick Mario Fales e altri, ed. 12 Nella Bibbia Geova ci insegna anche princìpi che ci aiutano ad avere una famiglia felice, a essere dei bravi lavoratori e a vivere in pace con gli altri. Babilonia. ... Isaia, 13:15 – Isaia vide una profezia sulle sorti di Babilonia. 3 Perché tutte le nazioni hanno bevuto del vino Babilonia la Grande non può essere un impero commerciale perché i ‘commercianti della terra’, che rappresentano gli elementi finanziari, faranno cordoglio al momento della sua distruzione. Se nella Bibbia l'Assiria significò oppressione, Babilonia significò potenza. Forse non lo immaginate, ma la città più nominata nella Bibbia, dopo Gerusalemme, è Babilonia e proprio in questa famosa città si svolge la storia raccontata nel libro del profeta Daniele. 1 Vedi l’articolo “Come si fa a trovare la vera religione?”. (Ge 10:10; 11:1-9) Fra le spoglie prese da Acan a … mostra Gerusalemme ombelico del mondo. CEI 2008), essa secondo la maggior parte dei biblisti rappresenta la città di Roma, che al tempo della scrittura dell'Apocalisse era la sede del potere imperiale e il centro di imposizione dell'idolatria. Prima dell'esilio la "parola d'ordine" dei profeti era stata "punizione"; durante l'esilio è diventata "consolazione". (Rivelazione 18:24) Infatti Babilonia la Grande nutre un odio così profondo per la vera religione che perseguita con accanimento i “testimoni di Gesù”, arrivando perfino a ucciderli. La Bibbia paragona questa infedeltà spirituale all’adulterio (Giacomo 4:4). Babilonia la Grande rappresenta un’entità internazionale. Si legge nella Bibbia che tutti avevano una sola lingua e che migrando «dall’oriente gli uomini capitarono in una pianura nel … Se nella Bibbia l'Assiria significò oppressione, Babilonia significò potenza.  |  Nella prima parte del libro (cc. A questo punto abbiamo veramente bisogno di rivelazione da parte di Dio, per riconoscere e comprendere in modo giusto quanto è velato dalla descrizione simbolica. Il re di Assiria fece venire popolazioni da Babilonia, da Cuta, da Avva, da Camat e da Sefarvàim e le stabilì nelle città della Samaria al posto dei figli d'Israele. La Bibbia indica nove tratti distintivi della vera religione. Sia l'impero, che la città che ne era la capitale e che fu costruita da Nimrod. Fondare 285 Risultati per: Babilonia. Piuttosto che insegnare ad avvicinarsi al vero Dio, Geova, la falsa religione induce le persone a servire altri dèi. Durante la cattività babilonese, nacque infatti la contrapposizione tra Babilonia, luogo del paganesimo e dei vizi, con la Gerusalemme celeste, regno della pace e delle virtù. Nella Bibbia ebraica, il libro di Daniele non è collocato tra i Profeti, ma tra gli Altri Scritti (Ketubìm). Più tardi, durante il terzo giorno creativo, apparve la terra asciutta. Nella falsa religione, inoltre, adorazione e amore per il mondo vanno a braccetto. Dato che "Le sette teste sono i sette monti su cui è seduta la donna." È in questo periodo che iniziano ad assimilarsi le parole "ebrei" e "giudei", "ebraismo" e "giudaismo", sebbene non propriamente simili. Invece rafforzerò le braccia del re di Babilonia e nella sua mano porrò la mia spada: spezzerò le braccia del faraone che gemerà davanti a lui come geme uno ferito a morte. Anche se queste religioni possono essere molto diverse tra loro, in un modo o nell’altro tengono le persone lontane dall’adorazione del vero Dio, Geova (Deuteronomio 4:35). Vengono usati anche i nomi Scinear e Caldea. Ez 30,24 in tutte le versioni Mostra capitolo. Attorno a questo contrasto si è sviluppato tutto il filone dell'attesa messianica e la metafora è stata ripresa soprattutto dalle chiese millenariste e da altre chiese come i testimoni di Geova, gli Evangelici e i Rasta. Il capitolo 17 del libro dell'Apocalisse è altrettanto misterioso. Alcuni studiosi ritengono che il dio babilonese Marduk (Merodac nella Bibbia) potesse essere Nimrod deificato. L’antica Babilonia era imbevuta di religione ed era conosciuta per il suo spiritismo, con tanto di “incantesimi” e “magie” (Isaia 47:1, 12, 13, CEI; Geremia 50:1, 2, 38). La famosa profezia di Isaia preannunciava la caduta della grande Babilonia nella prima metà del VI secolo a.C. per volontà del dio di Israele al fine di punire "il tracotante orgoglio, il potere smisurato e l’ineguagliabile ricchezza della fascinosa capitale dell’Impero neobabilonese" (cit. Babilonia, dopo Gerusalemme, è la città più citata nella Bibbia in particolar modo nell'Antico Testamento, dove la si vede contrapposta al popolo di Dio, Israele. Nella Bibbia Babilonia viene utilizzata come metafora del male, in contrapposizione alla Gerusalemme celeste nell'Apocalisse. Nel corso della storia la falsa religione non solo ha fomentato guerre e atti di terrorismo, non ha nemmeno insegnato alla gente la verità su Geova, il Dio d’amore (1 Giovanni 4:8). Nella Bibbia, la cui redazione definitiva è opera di questo gruppo religioso, questi fedeli superstiti son chiamati Resto d'Israele. Cos’è Babilonia la Grande? Nella Bibbia il termine Babilonia è menzionato più specificamente in Apocalisse 17,5 ed indica una misteriosa figura femminile seduta su una bestia scarlatta con sette teste: "Babilonia la grande, la madre delle prostitute e degli orrori della terra." Le atrocità della Bibbia. Babele sorgeva nella pianura di Scinar, in Mesopotamia; queste sono le origini della città di Babilonia. divenne re. Quelli presero possesso della Samaria e abitarono nelle sue città. Alcuni studiosi ritengono che il dio babilonese Marduk (Merodac nella Bibbia) potesse essere Nimrod deificato. Il paragrafo infatti, cosi' come e' ora, parla di Babilonia nella Bibbia come se fosse citata unicamente dal libro di Rivelazione o Apocalisse, cosa non vera. Abraamo visse nella terra promessa, … Il Libro di Aggeo (ebraico חגי, haggài) è contenuto nella Bibbia ebraica (Tanakh) e cristiana. Una era formata da Sin (il dio lunare), Shamash (il dio solare) e Ishtar (dea dell’amore e della fertilità). Bibbia Piemme La " diaspora ebraica" Il Regno d'Israele , al nord ,viene conquistato nel 721 dall'assiro Sargon II. Nabopolassar, governatore dell'area attorno al Golfo Persico, liberò Babilonia dagli assiri e nel 626 a,C. Pertanto la portata e l’influenza di Babilonia sono internazionali. All’incirca 2.600 anni fa gli ebrei vennero deportati in Babilonia dove vissero in esilio per un periodo di pressappoco 70 anni. Il libro di Rivelazione è presentato “in segni”, quindi è ragionevole concludere che Babilonia la Grande è un simbolo, non una vera e propria donna (Rivelazione 1:1). Cerca nella Bibbia . Il rastafarianesimo identifica con il termine Babilonia «il mondo occidentale basato sul denaro». Come l’antica Babilonia, Babilonia la Grande è famosa per le sue ‘pratiche spiritiche’. Stele che raffigura il re babilonese Nabonedo con simboli della triade di dèi composta da Sin, Ishtar e Shamash. (Ap 17,9; trad. Era situata sul canale Arakhtu dell’Eufrate, nella parte settentrionale della Babilonia. È possibile scoprire il suo prezioso messaggio. Fortificherò le braccia del re di Babilonia, mentre le … L'espulsione da Eden fu il primo esilio (Gen 3:23-24). Apocalisse 17 BABILONIA LA GRANDE,LA DONNA CHE CAVALCA LA BESTIA. Forse non lo immaginate, ma la città più nominata nella Bibbia, dopo Gerusalemme, è Babilonia e proprio in questa famosa città si svolge la storia raccontata nel libro del profeta Daniele. Cerca nella Bibbia . È per ciò che durante la storia Roma, Italia, è stata identificata come la città dei 7 colli menzionata nell'Apocalisse. Babilonia la Grande è la fonte “delle cose disgustanti della terra”, cioè degli insegnamenti e delle azioni che disonorano Dio (Rivelazione 17:5). (Re 2 17, 24) L'esilio babilonese Babilonia Israele potrebbe essere il popolo più felice della terra ma c'è sempre qualcosa che lo separa dalla comunione con Dio. 2 Gridò a gran voce: «È caduta, è caduta Babilonia la grande ed è diventata covo di demòni, carcere di ogni spirito immondo, carcere d’ogni uccello impuro e aborrito e carcere di ogni bestia immonda e aborrita. Il testo è redatto ora in ebraico (1,1-2,4a; 8,1-12,13), ora in aramaico (2,4b-7,28); non si è ancora trovata una spiegazione pienamente convincente per questa presenza delle due lingue. La distruzione escatologica di Babilonia è l'argomento del successivo capitolo 18. Babilonia la Grande, di cui si parla nel libro di Rivelazione (o Apocalisse), è l’insieme di tutte le false religioni, che Dio respinge * (Rivelazione 14:8; 17:5; 18:21). Significato e definizione del termine “Babilonia” riportato nella Bibbia. Bibbia Ricerca. € 12,50 € 6,00 - “Là sui fiumi di Babilonia”. Nella Bibbia troviamo la profezia di Geremia dove viene annunciata la deportazione del popolo ebraico a Babilonia, a causa della loro cattiva condotta, ma anche la futura liberazione del popolo ebraico e la distruzione dell' antica città di Babilonia: Al riguardo della distruzione dell' antica città di Babilonia esiste anche la profezia di Isaia: L’antica città di Babilonia fu distrutta nel modo predetto, e ancora oggi è un luogo disabitato. Essa, nella Bibbia, è simbolo di: Ribellione contro la Parola di Dio: dopo il diluvio, Dio aveva ordinato a Noè e ai suoi figli: “Siate fruttiferi, moltiplicate e riempite la terra” (Genesi 9:1). Copyright © 2021 Watch Tower Bible and Tract Society of Pennsylvania. Babilonia la Grande non può essere un’entità politica, perché “i re della terra” piangono la sua distruzione (Rivelazione 17:1, 2; 18:9). ( Isaia 47:5 ) L’impero babilonese, come quello egiziano e quello assiro che lo precedettero, ebbe un ruolo di primo piano nella storia biblica. Chiamata nella Bibbia “Padrona dei regni”, Babilonia era la capitale della terza potenza mondiale della storia biblica. A cura di Alessandro Ghio. Non può nemmeno essere una potenza finanziaria, dato che la Bibbia fa distinzione fra lei e “i commercianti [...] della terra” (Rivelazione 18:11, 15). Nabucodonosor nella Bibbia. Accedi Di più: Babilonia è ricordata anche per la celebre torre (Babele è un suo sinonimo). Nella Bibbia ci sono molti riferimenti a Babilonia, a cominciare dal racconto di Genesi sull’originaria città di Babele. La Porta d’Ishtar ricostruita al Pergamonmuseum di Berlino. 2 Gridò a gran voce: «È caduta, è caduta Babilonia la grande ed è diventata covo di demòni, carcere di ogni spirito immondo, carcere d’ogni uccello impuro e aborrito e carcere di ogni bestia immonda e aborrita. Scarica Babilonia. Dall’antica Babilonia al ventesimo secolo nella profezia biblica; ... E riguardo ai piedi di questa immagine, la Bibbia prosegue dicendo: “Una pietra fu tagliata non da mani, e urtò l’immagine ai piedi di ferro e argilla modellata e li stritolò. P. Matthiae) In quella città si praticava la falsa religione, in antitesi con il vero Dio Geova (Genesi 10:8, 9; 11:2-4, 8). E’ noto che la torre fu una specie di sortilegio. Ester 2,6 Il profeta Isaia (Is 13, 19;14, 22-23) ha predetto la sua distruzione circa due secoli prima del suo effettivo verificarsi nel 539 a.C.[3] Dopo i predetti 70 anni di prigionia a Babilonia, agli israeliti fu concesso di fare ritorno a Gerusalemme. Babilonia nella Bibbia La Porta d'Ishtar ricostruita al Pergamonmuseum di Berlino. Fondare 280 Risultati per: Babilonia. While you won't technically find free books on this site, at the time of this writing, over 200,000 pieces of content are available to read. divenne re. Babilonia la Grande si pone al di sopra dei re della terra, influendo ed esercitando potere su di loro. Babilonia Nome dato in un secondo momento a Babele. Babilonia nella Bibbia. “La città sarà rovesciata” A cosa si riferisce la “Babilonia” profetizzata nella Bibbia? I cieli erano in via di realizzazione; secondo i versetti di partenza della Bibbia nella Genesi, l’elemento iniziale era stato l’acqua; dall’acqua si formarono i cieli, cioè il duomo solido. È caratterizzata più dalle prevalenti idolatrie che da confini geografici o temporali. Una Babilonia alla lettera. Il re di Babilonia (605-562 a.C.); padre di Evilmerodac. Una donna in carne e ossa non potrebbe fare una cosa del genere. Gli appartenenti alla falsa religione sono descritti come “popoli e folle e nazioni e lingue”, che sostengono Babilonia la Grande (Rivelazione 17:15). Wikisource: Online library of user-submitted and maintained content. Babilonia la Grande è un simbolo. All'origine del mito libro - Kindle pdf download Leggere Online Babilonia. Babilonia. Genesi, 34:13 – Sichem si unì carnalmente – in un atto prematrimoniale – a Dina, figlia di Giacobbe, destando la collera degli altri suoi figli. Nella Bibbia il profeta Isaia [1] ha profetizzato la sua distruzione circa due secoli prima del suo effettivo verificarsi (nel 539 a.C.) Così il profeta Geremia evoca il potere e il fascino tentatore di questa antica città , le cui testimonianze echeggiano nella Bibbia e nei classici. Apocalisse 17:5: "E nella fronte di essa il nome scritto: misterio: la gran Babilonia, madre delle fornicazioni, e delle abbominazioni della terra." La Bibbia dice che si tratta di “una donna”, una “grande meretrice”, con un nome che rappresenta “un mistero: ‘Babilonia la Grande’” ( Rivelazione 17:1, 3, 5 ). La distruzione escatologica di Babilonia è l'argomento del successivo capitolo 18. Tutto questo ha portato a un gravissimo spargimento di sangue. Trova esempi di versetti biblici in cui compare il termine “Babilonia”. Il periodo di maggiore splendore per Babilonia fu durante il regno di Nabucodonosor, che regnò per ben 45 anni, rivelandosi uno dei più geniali e potenti monarchi di tutti i tempi. Nella regione interna di Urartui a nord, del pari che a sud nella regione interna dell'Elam, crescevano le potenze ostili destinate alla rovina dell'impero. ^ par. Con arroganza, i governanti di Babilonia si credevano superiori a Geova e alla sua adorazione (Isaia 14:4, 13, 14; Daniele 5:2-4, 23). I Cattolici si sono sempre riferiti alla Chiesa Cattolica come la loro madre. Nella Bibbia Babilonia viene utilizzata come metafora del male, in contrapposizione alla Gerusalemme celeste nell’Apocalisse giovannea. Opzioni per il download dei file audio Babilonia è una città dell'antica Mesopotamia situata sul fiume Eufrate nel territorio che attualmente conosciamo come Iraq. Con Aggeo inizia l'ultimo periodo profetico, quello dopo l'esilio babilonese. Il sistema economico, la cultura e il linguaggio imposti da questa società oppressiva vengono messi in contrapposizione con Zion, la terra promessa (identificata con l'Etiopia) che un giorno accoglierà il popolo del dio Jah. Il re d'Assiria mandò gente da Babilonia, da Cuta, da Avva, da Amat e da Sefarvàim e la sistemò nelle città della Samaria invece degli Israeliti. Inoltre, in altro luogo, è stata ritrovata anche una tavoletta sumera che descrive la confusione delle lingue risultante dall'evento della Torre di Babele, attribuendola al “dio della sapienza”. Questi sono gli abitanti della provincia che sono tornati dall'esilio: quelli che Nabucodònosor re di Babilonia aveva deportati e che erano tornati in Gerusalemme e in Giudea, ognuno nella sua città. È definita “la città grande, che regna sui re della terra” (Rivelazione 17:18, CEI). Il re di Babilonia Nabucodonosor condusse il suo popolo alla conquista di Gerusalemme, distrusse il Tempio di Salomone e deportò molti ebrei nella sua capitale. Ezechiele 30,25. Ancora oggi l’esilio babilonese è commemorato dagli ebrei praticanti, e il Talmud di Babilonia, redatto dagli ebrei rimasti nella città mesopotamica, è tuttora fonte di autorità. Secondo i testimoni di Geova Babilonia la Grande è oggi «l'impero mondiale della falsa religione», cioè un sistema religioso che ha esteso la sua signoria su molti popoli e nazioni ed esercita una grande azione politica sostenendo l'idolatria, l'immoralità, le guerre e un sistema economico avido e oppressivo. (o Babilonia; babilonese Bāb-ilu o Bāb-ilāni) Città antica, la più importante dell’Asia Anteriore. Continuò a riportare vittorie sugli assiri finchè nel 612 a.C., con l'aiuto dei medi, conquistò Ninive. Secondo il dizionario biblico The Interpreter's Dictionary of the Bible gli aspetti simbolici di quanto è rappresentato dalla biblica Babilonia La Grande non possono essere attribuiti ad una sola entità politica: <