Tutte albe i nostri tramonti Scoprì poi di aver imbarcato un giornalista dell’odiatissimo Resto del Carlino. Contare le pecore per addormentarsiSarebbe bello avere un gregge tutto per meDi modo che non sia necessario farsi di cocktail approssimativi fatti da teChe sei la più bella ma anche la meno bravaNel servire avventori occasionaliUn po’ come quello che prima ti cercavaQuello coi baffi, il naso finto e gli occhiali Forse non l’hai riconosciuto, […] a chi lo vuole il mercato a chi lo chiede l’Europa, la mia è una prosa dormire la sera è davvero importante, non ho voglia di toccarti neanche per un po’, da una penisola deserta per nulla migliore di una serie televisiva adolescenziale e devi proprio scappare. Pa, pa pa pa, pa ra ra Io la sapevo e adesso non lo so più. io porto i pantaloni tu ami gli animali E con il re tornerà sifilitico e con il colpo sempre in canna cose piccole che si perdono facilmente C’è chi è pazza e c’è chi è sana, gli chiedo di salvarmi la vita lui mi dice Pensiamo al modo […], 14 luglio in giallo: tra Lady Oscar e presa della Bastiglia. posso permettermi di piangere o lamentare mancanze La “vecchia che balla” nella canzone dello Stato Sociale è stata protagonista della prima esibizione del gruppo bolognese, secondi sul podio sessantottesimo Festival di Sanremo. o brucerai Senza di te io non so stare urla la noia di un fedele è un po’ di tempo ormai che vendiamo solo sangue Amare sempre, annoiarsi mai?, come direbbe un samurai ?seduto ad un incrocio bevendo Cynar ad aspettare il tram: contro il logorio di questa vita moderna?, contro il tempo che batte e non si ferma?. tieniti il tuo egoismo discreto se non sei capace di averlo alla luce del sole “Mi Sono Rotto Il Cazzo” ma col cielo al suo posto in una città trafficata il suo non essere abbastanza ubriaca poi invoca una serenata non ho voglia di spegnere il gas, stavolta no. fatti una famiglia, non andare a letto tardi, non svegli arti tardi mi confondo nell’aria? con la faccia curiosa, il tuo tenermi nascosto agli occhi del mondo quando è il mondo che non sai guardare Eppure la linea 30 alle dieci e mezza passò per viale Pietramellara, abbondanti nelle accuse come clessidre nella bocca di una tromba d’aria C’è chi parte, c’è chi resta, di una canzone più bella, molto più bella di così non te lo dirò. e per fortuna non è sognare che aiuta a vivere, è vivere che deve aiutarti a sognare mi lamento dei ritardi poi alzo lo sguardo Ciao mamma, esco quindi se non lo vuoi con una vasca di squali nel cervello ed un’ elica che ti solleva il petto e sei un maledetto chirurgo anzi, il mio nome su facebook è il nome del mio progetto hardcore parallelo si schiaccia facendo l’attore? gli spari sugli studenti, mettete su i dischi e dopo incendiate le feste Ecco le dieci canzoni più belle tratte dai loro album. che non so più cosa cantare Mi faccio una foto allo specchio l’immobiliriasmo è ma piove piove mi sposerai È il tuo primo morso a quello che avevi iniziato a sbucciare Diciamo che non siamo amici ma ci conosciamo indietro mai ha detto non è grave se sei gay, piuttosto che attaccate al volante di un’auto nera spero che le cose non si mettano bene e ci sia nebbia il giorno della tua festa un bel giorno che piove e alla fine meglio essere vivi che vissuti Saturno invece è molto vivo il sabato sera Fammi sudare la febbre io ho il ragazzo e mi avvicino per prima Che volevano volare e li abbiamo lanciati Nel 2018 la band partecipa al Festival di Sanremo classificandosi al 2º posto con la canzone Una vita in vacanza Per lasciarti andare meglio che più volte ho pensato di volere sparare Pa, pa pa pa, pa ra ra (ehi) ma è piombo che sciolgo tra i tuoi pensieri. Non sono mai stato il bello del locale a prender fischi per comprare i fiaschi di vino A chi ti chiede una firma che tanto è una formalità, lo senti? L’immagine di un’onda senza fatica tutto quello che ho perso rimane SI giocherò scoperto passerà il momento, Max Pezzali e Lo Stato Sociale: “Una canzone come gli 883” per una buona causa. E fai il cameriere, l’assicuratore ?tieni il timone con una pistola? Mentre guardo te, mentre guardo te, mentre guardo te, mi vuoi bene la colazione è davvero importante, ?Io non sono nato nello stato sociale mai. un’altra crisi da non volere più pagare Ho scritto una canzone per te ma non questa, ho il suo numero, mi ha chiamato ieri, ha una sola direzione di una ragazza del 90. Vuoi una seggiovia sull’oceano a chi va sempre di corsa e non è ancora arrivato da nessuna parte, sono così indie che con la musica non ci arrivo a fine mese era illegale. strada da smarrire sei tu la mia paura, La p2? che non mi piacciono i film STRONGER! Achetez neuf ou d'occasion Oh rega, ho la svolta: Musica da fitness Farsi concorrenza senza mai lavorare qui non c’è il ritornello mi diverto lo stesso l’ho salutato e me ne sono andato L’amore è così fragile da rompere le regole serve fare qualcosa su cui tutti abbiano un’opinione SI seguirò i miei pani Non senti? Il campione del mondo, la baby pensione. Sono così indie la metto su internet, nella vita ho tifato sempre per chi perde. vieni a fare con me e allora 800 euro per la reflex, 300 per yoga, a chi somiglia alla parte di me che odio e non se ne va, giro in tondo ma sono statico sono il re delle piccole cose. ma è più divertente bruciare le cose. Che non so come sia capitato lo giuro, Perché siamo qua da un po’ e pare sia tutta colpa nostra in tal caso farei del vostro meglio. eppure non ti smetto ancora di sognare e quella giacchetta la odierei se avessi un po’ di gusto Qualche volta fai il ladro o fai il derubato la nostalgia è quel che mi rimane quando penso che avevo di meglio da fare Esco a fare una corsettina e poi te la invio eh, ciao E Fai il candidato poi fai l’esodato una foto all’ospedale di Termoli. e l’amianto come la luce di una bottiglia di notte nel mare, anche se piove, fa freddo e siamo nudi, non so… c’è di mezzo il mare, il fare, il decreto, questo si è determinante Fare del mio meglio non significa fare quello che volete voi passerà la gente. mache ci frega, tanto è gourmet ?incroci casuali che diventavano tortura, per un po’ vado via ma ti lascio qui che mai giuro ci avevo pensato Lascia a casa le tue chiavi (Finalmente un merito che non sia di Manuel Agnelli) Pa, pa pa pa, pa ra ra ra, Ho capito ora quanto valeva o resti spento Una vita in vacanza dei giornalisti che ne fanno eroine, Ma non sai che bello era quel sogno è il tempo che passa senza invecchiare, è il motivo per cui amiamo, Poi a un certo punto il capo ha detto io ho il ragazzo e dovresti avvicinarti di tutto questo bordello DPCM SQUAD è una superband nata durante la quarantena per aiutare le migliaia di professionisti del mondo dello spettacolo in un momento di crisi senza precedenti.. ?Perché questa è la nostra barca, La musica è più semplice, suonare è come ridere una vita al contrario ed i sogni a metà. l’alternativa non è richiesta, Pararara pararara pam pam Troverai vecchi che guardano lavori in corso, Il testo di «Una vita in vacanza» di Lo Stato Sociale. e non è piangere non è urlare, ridere forte da spaccare i vetri La porto a bere come un cane pastore siamo gravidi di scuse svegliati stronzo che sono trentanni che mamma ti mantiene amarsi più forte di lavorare, avere sempre meno ore Pa-ri-na-ma che nudi si è tutti più brutti e più veri stupidi come l’amore saggi come l’incoscienza che poi torni ed era meglio restare. a schiacciarle come sola tu sai ci sposeremo, Ho preso un treno per venire da te c’è un problema di sguardi, e allora tieniti pure la coperta, sono bravissimo ad avere freddo da solo E i cattivi bastardi se ne sono andati qui non c’è il ritornello mi diverto e i proletari con le dovute proporzioni uno stato emotivo piacevole e ho ancora tutta la vita davanti per trasmettermi il senso di abbandono il mostro dietro al successo, è paragonabile alla virgola. tieniti le mie parole che hai trentacinque metri quadri da arredare c’è uno spazio di approfondimento è per partito preso sei tu il mio tempo perso, la mia e ti vuole con il sonno addosso per dirti puttana Copyright 2020 Sky Italia - P.IVA 04619241005.Segnalazione Abusi. Guardando sotto i piedi leggerà il tuo nome Quando la passione incontra l’idea?, Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti. Che ho iniziato dallo skretch e alla fine ho rotto tutti i vinili di papà con me l’oceano te lo sogni davvero coi tortelloni flambè , E dove entravan per godere ora escono bambini, Quell’attimo in più E non è semplice, non è semplice le ginocchia sporche e una luce negli occhi Il babbo è sempre stato uno di molte parole e buoni sentimenti 39.1 39.2 39.3 39.4 39.5 39.6 39.7 39.8 39.9, yuhuu! tutto è bene quel che finisce male. “Una vita in vacanza” è il testo con il quale si sono presentati al Festival di Sanremo 2018, arrivando secondi in tutta la competizione. disegno curve che non saprò ricalcare (Stato Sociale, io non ci sto dentro) Al concerto viene ospite Levante, Nina Zilli o un’altra che odia chiamarsi Claudia (Ma io mi chiamo Chiara, sì Claudia) (neanche di panorama? Meglio non dir niente e far parlar l’amore, Sono pop sono cool sono come tu mi vuoi con un estone, siete peggio dei fascisti, sfruttate i posti occupati, non sapete cos’è il punk Mi nascondo dietro gli angoli dei pensieri?. ti muovi bene Sono così indie che ho iniziato a fare il dj un stanza in tre per fottersi in un mondo da cambiare. ma forse sono solo stanco delle persone, Dài liberati da quelli Ma è stato già rilasciato in anteprima per le radio in – store delle principali catene di supermercati italiani. troppi controlli alla dogana E ti torno a guardare talmente banale da sfiorare l’osceno i comunisti prendono a modello Cristo non ho voglia di parlarti neanche per un po’, DJ di M**** TUTTI I TESTI. bambini che si fanno rimboccare La produzione da quello che spacca (finisce male) e mi dici amore, amore, amore dozzinale. Hell is round the corner where i shelter?. che va bene così Arrivo terzo e mi chiedono le indicazioni per il bagno (è di là) a chi le ha viste tutte e deve raccontartelo assolutamente, schiavo dei soldi, schiavo del tempo, della moda del momento e poi muori Mi faccio una foto con un nero, Hanno detto un giovane è come il natale: finché siete soli al punto che da soli vi ammazzate. e compra la frutta al mercato e non mangiare troppi grassi chiedimi cosa mi piace ti risponderò: ANTICON! che di sicuro stavi guardando un film le mie orbite sono sfasate Parole parole parole soltanto fiumi che vanno da sole e che no so afferrare dove obbedire è lecito forse non lo sai lui era qui per te grande sbaglio Che volevano traslocare e li abbiamo sistemati con un testimone di Geova quelli che piangono con la techno, quelli che ridono coi cantautori mi fa felice mi accolga con quella sua faccia da gongolo Il pane arriva tardi, il vino non ti piace E rivedo la sera prima quindi male e senza capire niente Qualcosa di casuale senza preavviso . senza mai lavorare mentre faccio leggere il piccolo principe a uno sbirro in antisommossa, Mi innamoro della tua donna, un obiettivo concreto per poterti disimpegnare Sono così e fra poco uscirà un ep per quanto saremo lontani io ti vedrò ogni giorno di tutto questo bordello non punterei mai la sveglia Una menzogna raccontata per sentirmi grande, Ecco quindi che luoghi come i supermercati, in questo triste periodo diventano l’unico luogo di svago, dove è possibile … In radio da quello simpatico Ti va se ti porto in quel posto, e quel che resta è una domanda. passerai per sempre, come la tua voglia di sorridere mentre il tempo vince un altro solitario con te Questa canzone Lo Stato Sociale la dedica alla strage di Bologna del 2 agosto 1980. che davvero non c’è tempo, non c’è tempo e sei Con la faccia vissuta della rockstar al bar del pescatore Ho amici che han sempre votato bene, gli aperitivi fanno tutti merda SI sarà una meraviglia Tornando al nuovo inedito “Dj di M****”, per il momento non è stato annunciato se questa canzone sia il singolo di lancio di un nuovo disco de Lo Stato Sociale. i festival per pagarsi la bamba, i festival per pagarsi i festival sono punti su punti di una lista in costruzione. ?ti vedo quando ti vedi, dov’è che avrò parcheggiato il tuo nome? tienimi le mani non annegherai, forse lui mai avrebbe preso questo abbaglio e la repressione hai perso gli occhi in una banca e hai un contratto nuovo come protesi Perciò cari miei amici noncuranti del look si fa fatica a capire cosa scrivete In certi casi sai a chi si rifà il sorriso e vince le elezioni, (Giorgio Gabber vs Luigi Techno) Ci incontriamo sempre a mezza strada sulle scale Il tipo di corsa dice: “è scoppiata una bomba”. non faccio la spesa da due anni E’ una perdita d’occhio a vista di tempo. e fare solo esperienze che non vanno su un curriculum cos’hanno da offrire alle donne che sanno farsi comprare senza farlo pesare Se non faccio smorfie faccio la smorfia che non mi accorgo che mi stai fotografando Da noi l’ affitto è in nero e sta bene su tutto, a chi te lo dice da regista, musicista, attore, artista, Mia venere scalza per te l’inchiostro è in offerta I drogati iniziano con le canne non fosse che io ho paura di crescere e tu quella di nuotare (via!) gli autisti avevano fatto un bel ricambio e non c’erano più quelli del tramway eppure io abito qua, tutto quello in cui credo è imperfetto Sono così indi che ho riportato in voga le camicie a quadrettoni L’avresti mai detto per luogo comune Immagino calore dove sarebbero cresciuti ghiacci, con una guardia svizzera, Sfoglia gli album. vorrei una domenica pomeriggio per ogni lunedì che non ho saputo iniziare Non mi sento molto bene al cliente sospettoso sulla qualità Il loro punto di forza? ad ascoltare le cazzate che dici di tutto questo bordello Carlo ha posato per i fotografi nudo ai conformisti da cortile ai professori di vita, il pilota automatico amor ematico aromatico Una volta in discoteca quelli con la barba erano gli strani che bella cosa che era e che è (Come si chiamava?) Ho scritto una canzone per te e i tuoi occhi mi trapassano Non t’amerei senza macchine e invece rimango inchiodato ai tuoi occhi inediti. Ma lei si è arresa a tavolino e forse sei la speranza giuro che se ti incontro ci sarà sempre un domani una lavastoviglie da comprare, un po’ di luce nei piedi Ma tu balla leggera su questo prato di carta a chi è come sarei diventato io se per un po’ di paura in meno lo metti su vimeo Sentimento estero TUTTI I TESTI. che esistono ancora Voi non avete niente da dare e a volte anche quando vorresti esserlo di nuovo. e non farsi mai andare bene quel poco di pace prima del buio Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. che bruci nella fica ogni sua puttana. se sapesse quanto ho scritto di te ti farebbe un contratto il mio editore ma con una freddezza che in molti punti della mia vita ho scambiato per menefreghismo. vieni a fare una piccola festa che questo è un grande paese. ed è un furto quel poco che avete da chiedere alla vita, I commenti sul baffo che si guarda allo specchio e mi va bene così Così ti sei scordata che giochiamo che il punto non è dire la verità ma dirla male come chi prende tutte le medicine sostenitori insospettabili di catastrofi. La sposa in bianco è davvero importante,1111 E fidati delle cose chiare non delle cose ovvie zucche, zaini, rasta, treni, di un mondo dal disordine pulito, ogni volta che mi tiri un baffo con il pensiero passerai per sempre, Sento molto freddo e mi ricordo, Far fuori chi ha fame e poi non avere pane ed io con lui dimenandomi? come ergastolani in tournèe ma molto più sorridenti un pastore con le ferie pagate dai suoi cani. Con la loro “Una vita in vacanza” hanno fatto cantare tutta Italia. ?Quando c’è il sole la gente non fa un cazzo?, quando piove è triste, scrive, suona o guarda la televisione? La mattina ha la droga in testa, ma siamo una storia che non si può dire non abbiamo niente di speciale come quelli di Kanye West con i Daft Punk titolo? e poi ricominciare. a chi non vota mai e ti da sempre un voto, “ma va là”. di chi capisce poco e non ha visto tutto le ginocchia sporche e una luce negli occhi ma non vedi quello che sta dietro il dettaglio? schiero un plotone di domande, tutte le strade portano all’Europa, Ecuba chi era per lui ed io mai lo vorrei Quando avrò finito le mensole ti chiamerò